EditorialeMobilitàPrimo pianoRiflessioni

Corsie riservate a bus e bici:
una trascurabile opzione!

Reading Time: 2 minutes

Un giorno feriale, sul tratto nord, lato monte, del Ponte Risorgimento, in prossimità del Cinema Massimo: ben sei automezzi parcheggiati sulla corsia ciclabile, praticamente per tutta la sua lunghezza. Non sempre è così, ma spesso lo è: c’è sempre qualcuno che ritiene che le due ruote possano agevolmente passare di fianco, sulla strada, insieme alle auto, sentenziando arbitrariamente che la corsia ciclabile è messa al posto del parcheggio per cui è legittimo adottare la funzione in quel momento più utile per soddisfare il bisogno di lasciarci l’auto! Non accade mai che un automobilista lasci la propria auto lungo la strada, lungo la corsia di marcia e la corsia ciclabile libera: anche se la strada è ampia, non viene da sostare lontano dal marciapiede, perché forse sembra di fermarsi proprio in una posizione decisamente esposta, dove è evidente l’infrazione. Sulla ciclabile ci si sente più riparati, nascosti. Poi, che cavoli, un minuto!!!
In bici, mi fermo e faccio le foto per documentare. Nel frattempo, allarmati per l’atteggiamento ispettivo, sono avvicinato da due automobilisti proprietari dei mezzi per chiedere le ragioni dello scatto: una volta esposte (avete parcheggiato sulla ciclabile!), valutata la mia innocuità, sostengono che loro devono … lavorare!
A questo punto, per lavoro potrebbero anche percorrere un senso unico contromano, passare col rosso o non so cos’altro, perché “auto” legittimamente autorizzati a contravvenire: addirittura il parcheggio sulla corsia ciclabile non è neanche nell’ipotetico elenco delle infrazioni.
Uno dei due interlocutori allarga anche il campo delle motivazioni, dimostrando di conoscere la città, i dintorni e le più recenti realizzazioni, come la pista sul Ponte delle Libertà, che riduce le corsie necessarie per agevolare l’intenso flusso delle auto, come di tante altre “di cui non si comprende l’utilità”.
Tante volte mi sono premurato di allertare la Polizia Municipale; questa volta l’ho intercettata di lì a poco lungo via Marconi, a presidiare l’intero tracciato. Neanche l’hanno fatta tutta la via, sola andata, e già hanno comminato 30 multe, mi dicono.
Però, passate le guardie, alle loro spalle tutto torna come prima, con le auto parcheggiate sulla corsia dei bus e, al di là del ponte, sulla corsia ciclabile, a ratificare che le linee gialle e bianche di delimitazione di quello spazio riservato sono solo una trascurabile opzione.

Se l'articolo ti è piaciuto scegli come condividerlo